top of page
  • Writer's pictureTeacher Stefano

LO vs GLI: pronomi oggetto diretto e indiretto in italiano

I pronomi oggetto diretto e oggetto indiretto possono essere un po' complicati a volte, specialmente quando si tratta di scegliere uno piuttosto che l'altro. Nella lezione di oggi, vedremo come scegliere quello corretto e quando usarli!




Prima di iniziare ti ricordo anche che ho una newsletter! Quindi se vuoi ricevere ogni domenica dei contenuti interessanti per imparare l’italiano puoi iscriverti alla newsletter cliccando qui sotto!




Un pronome è una parola breve che sostituisce un nome e li usiamo sempre per evitare di ripetere più e più volte la stessa parola. Nell'articolo di oggi, ci concentreremo sui pronomi oggetto diretto e sui pronomi oggetto indiretto in italiano.


Oggetto diretto

Un oggetto diretto è l'oggetto dell'azione e non è preceduto da una preposizione. Vi faccio qualche esempio:


  • Mangio una melaI eat an apple


Io è il soggetto dell'azione, mangio il verbo, e la mela è l'oggetto della mia azione. Come potete vedere, non è preceduto da una preposizione, quindi è un oggetto diretto e può essere sostituito da un pronome oggetto diretto.


  • Chiamo Stefano → I call Stefano


Stefano sarà l'oggetto diretto perché è l'oggetto della nostra azione e non è preceduto da una preposizione.

Gli oggetti diretti possono essere sostituiti da pronomi oggetto diretto:


Mi (io)

Ti (tu)

Lo/La (lui/lei)

Ci (noi)

Vi (voi plurale)

Li/Le (loro)


Prendiamo gli esempi precedenti e sostituiamo gli oggetti diretti con i pronomi che abbiamo appena visto.

  • Io mangio una mela → io la mangio (scelgo la perché mela è femminile e singolare)

  • Io chiamo Stefano → io lo chiamo (scelgo lo perché Stefano è maschile e singolare)


Oggetto indiretto

Un oggetto indiretto è la persona (o cosa) a cui è diretta l'azione. Per esempio, se mandi una lettera a Maria, lei NON è l'oggetto dell'azione (perché la lettera lo è) ma la persona a cui l'azione è diretta! Voi mandate l'oggetto dell'azione (la lettera) ad una persona, Maria.


Quindi prendiamo la frase:

  • Mando una lettera a Maria → I sent a letter to Maria

Come puoi vedere, Maria è preceduta dalla preposizione A. Gli oggetti indiretti sostituiti dai pronomi oggetto indiretto sono sempre preceduti dalla preposizione A!

Come regola generale, abbiamo due grandi categorie di verbi che prendono gli oggetti indiretti*:

  • Verbi di dare: dare, inviare, mandare, regalare

  • Verbi di comunicazione orale e scritta: parlare, chiedere, rispondere


*Questo non significa che questi verbi prendano solo oggetti indiretti. Possono prendere sia un oggetto diretto che un oggetto indiretto (vedi: mando una lettera a Maria).

Gli oggetti indiretti sono sostituiti dai pronomi di oggetto indiretto:


Mi (a me)

Ti (a te)

Gli/Le (a lui/lei)

Ci (a noi)

Vi (a voi plurale)

Loro/Gli (a loro)


Come potete vedere, sono più o meno come i pronomi oggetto diretto. La parte difficile è la terza persona singolare e plurale.

Se vogliamo sostituire l'oggetto indiretto Maria nell'esempio precedente avremo:

  • Mando una lettera a Mariale mando una lettera


Diretto o indiretto?


Seguite queste semplici regole che vi aiuteranno a scegliere il pronome giusto:

  • Il sostantivo (o nome) che vuoi sostituire è l'oggetto dell'azione? Oggetto diretto

  • Il nome (o cosa) che vuoi sostituire è la persona a cui è diretta l'azione? Oggetto indiretto

  • Il nome che si vuole sostituire è preceduto dalla preposizione A*? Oggetto indiretto

*Questo si applica solo a persone o cose. Non puoi usare i pronomi oggetto indiretto per sostituire luoghi (Io vado a Roma → anche se hai la preposizione A, quello è un tipo diverso di oggetto e non puoi usare nessuno di questi pronomi per sostituirlo!)


Vediamo alcuni esempi sulla scelta dei pronomi oggetto diretto rispetto ai pronomi oggetto indiretto:


  • I bambini guardano il film → I bambini lo guardano (oggetto diretto). The kids watch the movie. The kids watch it.

  • La mamma prepara i biscotti → la mamma li prepara (oggetto diretto) Mom makes cookies. Mom makes them.

  • Ho chiesto a Roberto perché non era a lavoro → gli ho chiesto perché non era a lavoro (oggetto indiretto) I asked Roberto why he wasn't at work. I asked him why he wasn't at work.

  • Gli studenti rispondono al professore → gli studenti gli rispondono (oggetto indiretto) The students answer the professor. The students answer to him.


A volte può capitare che in italiano e nella tua lingua madre l’uso della preposizione sia lo stesso. A volte però magari nella tua lingua madre si usa la preposizione “A” e in italiano no. Penso all’inglese “to listen to music”, invece in italiano “ascoltare la musica”.


Quindi cerca sempre di capire se in italiano si usa o no la preposizione e questo puoi capirlo facilmente andando sul dizionario. Di conseguenza, saprai se usare un pronome oggetto diretto o indiretto!


Spero che questo articolo vi abbia aiutato! Se hai qualche domanda mandami un messaggio nella contact section del mio sito!


Un abbraccio dall'Italia,


Teacher Stefano

2,474 views

Recent Posts

See All

Comments


bottom of page