top of page
  • Writer's pictureTeacher Stefano

I pronomi doppi in italiano

Hai mai visto o sentito cose come me lo, glielo, ce ne, ecc? Questi si chiamano pronomi doppi e oggi capiremo come funzionano!




Prima di tutto cerchiamo di capire quali sono i pronomi che si uniscono e soprattutto capire come si uniscono.


Vuoi partecipare ai miei corsi di italiano? Visita la mia online school!

I pronomi diretti e indiretti


Cominciamo con un esempio:


  • Regalo a mio padre questa borsa. 


Immaginiamo che io sto parlando con te, siamo in un negozio e abbiamo già parlato di questa borsa. In questo caso è inutile ripetere la parola borsa, quindi posso sostituirla con un pronome. Il pronome sarà diretto, perché tra il verbo regalare e “questa borsa” non c’è nessuna preposizione, quindi questa borsa è un oggetto diretto. Dato che è una parola femminile e singolare, useremo il pronome diretto la. Quindi posso dire:


  • La regalo a mio padre. 


Se invece stiamo parlando di mio padre, quindi non voglio ripetere la parola “padre” più volte posso sostituirla con un pronome indiretto, perché tra il verbo regalare e io padre” c’è la preposizione a, grazie alla quale capiamo che si tratta di un oggetto indiretto. Per sostituire mio padre, quindi, dovrò usare un pronome di terza persona singolare maschile. In italiano questo pronome è gli, quindi avremo:


  • Gli regalo questa borsa. 


Può anche succedere, però, che decidiamo di sostituire tutte e due le cose, quindi “mio padre” e “questa borsa”. Per esempio, se stiamo già parlando del fatto che voglio fare un regalo a mio padre e mentre parliamo ho visto la borsa che mi piace, non ho bisogno di ripetere di nuovo le due parole, posso usare dei pronomi che rendono la comunicazione molto più semplice e veloce!


  • Gliela regalo!


Ecco, quindi, che abbiamo unito i due pronomi, l’indiretto gli e il diretto la e abbiamo formato la parola gliela.


I pronomi diretti che si combinano sono solo quattro e sono: 

  • Lo: oggetto maschile singolare.

  • La: oggetto femminile singolare.

  • Li: oggetto maschile plurale.

  • Le: oggetto femminile plurale.


A questi, possiamo aggiungere il nostro carissimo pronome ne, che funziona proprio come un pronome diretto quando parliamo di una quantità.


Per quanto riguarda i pronomi indiretti, invece, possiamo usarli tutti, perché dipende dalla persona che dobbiamo sostituire!


Ricordi i pronomi indiretti? Vediamo qui una tabella!


Mi

A me 

Ti

A te 

Gli

A lui

Le

A lei

Ci

A noi 

Vi

A voi

Gli

A loro



Come si combinano i pronomi?


Per unire questi pronomi devi imparare solo due regole: 

  • Tutti i pronomi, tranne quelli di terza persona, modificano la -i in -e, quindi non avrai mi lo o ti la, ma me lo o te la. Per queste persone, i pronomi sono sempre separati!

  • Alla terza persona singolare e plurale usiamo sempre il pronome gli (anche per il femminile) e lo uniamo a quelli diretti attraverso la lettera e, quindi avremo gli+e+lo, la, le o li. 

  • A volte (principalmente nei verbi pronominali) possiamo combinare anche il pronome si riflessivo che comunque cambia la “i” in “e”.



Lo

La

Li

Le

Ne

Mi

Me lo

Me la

Me li 

Me le

Me ne

Ti

Te lo 

Te la 

Te li

Te le 

Te ne

Gli

Glielo

Gliela

Glieli

Gliele

Gliene

Le

Glielo

Gliela 

Glieli

Gliele

Gliene

Ci

Ce lo 

Ce la 

Ce li 

Ce le 

Ce ne* 

Vi

Ve lo 

Ve la 

Ve li 

Ve le 

Ve ne 

Gli

Glielo

Gliela

Glieli

Gliele

Gliene

Si (riflessivo)

Se lo

Se la

Se li

Se le

Se ne



Ora vediamo qualche esempio con i pronomi doppi:


  • Offriamo una cena a te volentieri → Te la offriamo volentieri.

  • Do a Maria il libro → Glielo do.

  • Manda la foto a me → Mandamela (nota in questo caso i pronomi attaccati e alla fine del verbo perché abbiamo un imperativo)

  • A che ora se ne sono andati? (nota in questo caso l’uso dei pronomi doppi con un verbo pronominale)



⚠️Attenzione: il pronome ci può essere utilizzato anche con il significato di locativo, quindi sostituire un luogo di cui abbiamo già parlato prima. Spesso, quindi, quando vediamo la combinazione ce ne, il ci può sostituire un posto invece di a noi


Ad esempio. 


  • Hai preso i libri che ti ho chiesto? Sì, ma non tutti, ce ne sono alcuni sul tavolo. 



Benissimo! Abbiamo finito con la lezione di oggi. I pronomi doppi sono davvero molto frequenti in italiano quindi ti consiglio di memorizzarli. E come sempre se hai qualche domanda, mandami un messaggio nella sezione contatti del sito e ci sentiamo presto.


Un abbraccio, Teacher Stefano

97 views

Recent Posts

See All
bottom of page