top of page
  • Writer's pictureTeacher Stefano

La concordanza dei tempi al congiuntivo

Nell'articolo di oggi vediamo la concordanza dei tempi al congiuntivo, iniziamo!




Ciao e benvenuto/a in un nuovo articolo. Oggi parleremo del congiuntivo e, in particolare, cercheremo di capire quale tempo verbale scegliere tra congiuntivo presente, passato, imperfetto e trapassato.


 Vuoi partecipare ai miei corsi di italiano? Visita la mia online school!

Ripetiamo il congiuntivo!


Prima di tutto, ti ricordi i tempi del congiuntivo? Cominciamo con un piccolo ripasso. In italiano il congiuntivo si usa nelle frasi che dipendono da altre frasi. Praticamente se ho un verbo all’indicativo presente o passato che esprime opinione, dubbio, speranza, desiderio o è impersonale, il verbo che viene dopo sarà al congiuntivo. 


Quindi praticamente quando esprimi un’opinione o un dubbio come un verbo come penso che, credo che, dubito che, ecc. , dopo devi usare il congiuntivo!


Ma quale tempo devo usare? Presente, passato, imperfetto o trapassato. Ricordi come sono questi tempi? Proviamo a fare il congiuntivo del verbo parlare per rinfrescarci un po’ la memoria: 

  • Congiuntivo presente: parli

  • Congiuntivo passato: abbia parlato

  • Congiuntivo imperfetto: parlassi

  • Congiuntivo trapassato: avessi parlato


⚠️Attenzione: il congiuntivo si usa solo dopo un verbo, quindi dopo una frase dipendente. Se esprimi un’opinione con secondo me, oppure con per me, allora dopo il verbo non andrà al congiuntivo, ma all’indicativo.



Congiuntivo presente o passato?


Ora che abbiamo ripetuto un po’ il congiuntivo, cerchiamo di capire come funziona la concordanza!


Quando la frase principale ha il verbo al presente indicativo, il congiuntivo può essere usato al presente o al passato. 


Usiamo il congiuntivo presente quando l’azione espressa dal verbo della principale e quello al congiuntivo avvengono contemporaneamente oppure quando l’azione al congiuntivo avverrà nel futuro.. Vediamo qualche esempio!



  • Credo che tu abbia ragione.

Io, in questo momento, credo che tu, in questo momento, abbia ragione. Le due azioni avvengono entrambe nel presente, quindi sono contemporanee. Per questo motivo userò il congiuntivo presente


  • È meglio che tu dica la verità.

È meglio è una forma impersonale al presente. Ricordati che le forme impersonali vogliono il congiuntivo. Adesso è meglio che tu adesso o dopo dica la verità. Dire la verità è un’azione contemporanea o futura rispetto al verbo principale, perciò usiamo il congiuntivo presente.  


Al contrario, usiamo il congiuntivo passato quando l’azione espressa dal verbo al congiuntivo avviene prima rispetto a quella del verbo principale. Vediamo qualche esempio!


  • Penso che tu abbia avuto coraggio a parlare ieri.

Io, adesso, penso che ieri, quindi nel passato, abbia avuto coraggio. Io penso adesso, ma tu hai avuto coraggio ieri! Avere coraggio succede prima rispetto a quando io penso, quindi lo scriverò al congiuntivo passato. 



Congiuntivo imperfetto o trapassato?


Le regole sono molto simili quando la frase principale ha il verbo a un qualsiasi tempo passato dell’indicativo. 


Usiamo il congiuntivo imperfetto quando l’azione espressa dal verbo della principale e quello al congiuntivo avvengono contemporaneamente oppure quando l’azione al congiuntivo avverrà nel futuro. Invece usiamo il congiuntivo trapassato quando l’azione della frase dipendente avviene in un passato ancora più passato dell’azione della frase principale.


  • Credevo che ti piacesse studiare l’italiano. 

Io, prima, nel passato, credevo che a te, in quel momento, quindi nel passato, piacesse studiare l’italiano. Anche qui le due azioni avvengono contemporaneamente, quindi nello stesso momento, ma nel presente. 


  • Pensavo che tu avessi letto le mie e-mail. 

Io pensavo, nel passato, che tu, nel passato, avessi letto le mail. Anche queste due azioni avvengono nel passato, ma la seconda, quindi leggere la mail, avviene prima rispetto a pensare. 


Ti faccio un altro esempio perché questo è un po’ più difficile da capire. 

  • Pensava che tu avessi visto quel film prima. Era davvero emozionante.

Lui pensava, nel passato, probabilmente ieri, che tu, prima di quel momento, prima di ieri, avessi visto il film. Cioè secondo lui tu quel film lo avevi già visto, non è importante quando, ma sicuramente prima rispetto a quando lui ha pensato questa cosa. 


Perfetto, abbiamo finito! Spero che questa lezione sia stata chiara!


Sì, ho usato il congiuntivo! Cioè io adesso, dopo aver finito di spiegare questa la lezione, spero che tutto quello che ho spiegato prima sia chiaro. Uso il congiuntivo passato perché la lezione è finita e, dopo aver finito, io spero che sia stata chiara. Cioè spero che sia stata chiara una cosa che ho finito di spiegare, quindi è nel passato rispetto ad adesso. 



Benissimo! Spero che la lezione di oggi ti sia piaciuta. 


Se hai qualche domanda, mandami un messaggio nella sezione contatti del sito e ci sentiamo presto.


Un abbraccio,


Teacher Stefano

34 views

Comments


bottom of page