• Stefano Chiaromonte

La scuola italiana

Aggiornato il: lug 29

Nell'articolo di oggi parliamo del sistema scolastico italiano. Sai quali sono i diversi "livelli" di educazione in Italia? E quanto dura la scuola in Italia? Scopriamolo insieme in questo articolo.



La scuola italiana si divide in scuola elementare, scuola media e scuola superiore. Naturalmente prima della scuola elementare c’è la scuola materna per i bambini dai 3 ai 5-6 anni, ma non è obbligatoria, la scelta dipende da i genitori. In seguito c’è la scuola elementare per i bambini dai 6 ai 10-11 anni. Questa scuola dura 5 anni, è un periodo molto importante perché proprio in questi 5 anni si sviluppano le attività di base necessarie per lo sviluppo e la formazione scolastica dei bambini. Per esempio impariamo a leggere e a scrivere, e a fare la matematica di base. Poi ci sono le scuole medie, che durano tre anni, quindi dagli 11 ai 13-14 anni, alla fine di questo percorso gli studenti dovranno sostenere un esame prendendo così “la licenza media” che gli permetterà di frequentare le scuole superiori. Le scuole superiori durano 5 anni quindi dai 14 ai 18-19 anni e ne esistono tanti tipi diversi.


In Italia le scuole elementari e le scuole medie sono uguali per tutti, mentre le scuole superiori sono diverse, perché lo studente dopo aver finito la scuola media può scegliere quale tipo di scuola superiore è più adatta a lui. Le scuole superiori infatti possono essere licei, come il liceo scientifico, liceo classico, liceo linguistico, il liceo artistico o il liceo delle scienze umane. Ognuno di questi licei si focalizza su delle materie specifiche. Infatti se un ragazzo sceglie il liceo scientifico, studierà maggiormente materie scientifiche come la fisica, la matematica e la chimica, mentre se sceglie il liceo delle scienze umane studierà maggiormente materie umanistiche come pedagogia e psicologia. Tra i tanti tipi di scuole superiori esistono anche gli istituti tecnici come l’istituto tecnico commerciale dove si studiano maggiormente materie come economia, diritto e informatica. Poi anche istituti professionali, più orientati a imparare una professione specifica. È importante però sapere che in tutte le scuole superiori ci sono materie uguali per tutti, come l’italiano, la matematica, l’inglese e la storia.



Nella scuola italiana gli studenti sono valutati tramite le interrogazioni (che non significa interrogation, ma oral exam) e i compiti in classe. Le interrogazioni sono un tipo di esame orale, in cui l’insegnante verifica che lo studente abbia studiato e appreso quello che viene fatto in classe, sicuramente molto simile ad un compito in classe che però è un tipo di esame scritto. Inoltre, gli studenti italiani sono valutati in base a dei voti che vanno da 1 a 10, dove 1 è il minimo mentre 10 è il massimo. Le classi sono formate da circa 20-30 studenti ed è l’insegnante che va nella classe per insegnare la sua materia, non sono gli studenti a spostarsi.


La fine del percorso scolastico di ogni studente italiano è rappresentata dall’esame di maturità, l’esame che conclude le scuole superiori e ti permette di entrare nel mondo degli adulti, in cui si può scegliere se lavorare o andare all’università. Con l’Esame di Maturità gli studenti italiani prendono il diploma, indispensabile per poi continuare a studiare all’università. Questo esame è abbastanza temuto dagli studenti del quinto anno delle scuole superiori perché è difficile e lungo. Generalmente si divide in tre prove, di cui due sono scritte mentre l’ultima è un colloquio orale con i professori. La prima prova è una prova di Italiano, uguale per tutte le scuole superiori, mentre la seconda prova dipende dal tipo di scuola superiore che lo studente frequenta e si focalizza sulle materie specifiche dell'indirizzo. L’ultima prova, è un colloquio orale dove lo studente parla delle materie affrontate nel corso dell'anno con i professori. Quest'anno le cose sono andate diversamente a causa della pandemia. Infatti, l'Esame di Maturità ha previsto solo un colloquio orale con gli studenti per evitare assembramenti durante le prove scritte. Per ogni studente italiano è molto importante superare questo esame e quindi poi poter iniziare un nuovo percorso, per esempio lavorativo o universitario.


Dunque il sistema scolastico italiano presenta molto differenze con altri sistemi scolastici di altri paesi, è un sistema molto nozionistico, riuscendo a formare molto bene gli studenti ma che forse lascia troppo poco spazio alla pratica. Se sei interessato a questo aspetto ti consiglio di ascoltare la puntata sul sistema scolastico del mio podcast.


E invece come è organizzato il sistema scolastico del tuo paese? È molto diverso da quello italiano? Se vuoi saperne di più sul sistema scolastico italiano e vuoi conoscere altre interessanti differenze con altri sistemi scolastici, ti consiglio di ascoltare il mio podcast Be italiano, disponibile su Spotify e le maggiori piattaforme di podcast.

58 visualizzazioni

Vuoi ricevere contenuti interessanti?

  • Facebook - cerchio grigio
  • Instagram - Grigio Cerchio
  • Spotify - cerchio grigio
  • iTunes - cerchio grigio

© 2020 Stefano Chiaromonte. P. IVA: 04296180716