La CONCORDANZA dei tempi al congiuntivo italiano

Leggi questo articolo per scegliere il giusto tempo del congiuntivo italiano in ogni frase!



Il congiuntivo crea sempre problemi agli studenti in italiano soprattutto quando parliamo di concordanza, cioè scegliere il giusto tempo del congiuntivo in base al verbo della frase principale. Ma non ti preoccupare, in questo articolo ti spiegherò passo passo come funziona!


Ho già fatto due articoli sul congiuntivo che potete trovare qui e qui. Vi consiglio assolutamente di leggere quelli prima, per comprendere bene questo.


Facciamo però una breve ripetizione del congiuntivo:

  • Il congiuntivo si usa nelle frasi dipendenti: credo che sia una buona idea.

  • Il congiuntivo si usa quando nella frase principale abbiamo un verbo che esprime dubbio, paura, emozione, opinione, etc. Nella frase "credo che sia una buona idea" stiamo esprimendo un'opinione grazie al verbo credo.

  • Il verbo della frase principale però influenza il tempo del congiuntivo che useremo nella frase dipendente.

  • Esistono 4 tempi del congiuntivo: presente, imperfetto, passato e trapassato. Vi do la prima persona per ogni tempo del verbo essere:

  • Presente: che io sia

  • Imperfetto: che io sia stato/a

  • Passato: che io fossi

  • Trapassato: che io fossi stato/a


Ora facciamo lo stesso per un altro verbo, per esempio andare:

  • Presente: che io vada

  • Imperfetto: che io andassi

  • Passato: che io sia andato/a

  • Trapassato: che io fossi stato/a


Quindi noi dobbiamo scegliere il giusto tempo del congiuntivo in base a due fattori:

  1. IL TEMPO DEL VERBO DELLA FRASE PRINCIPALE

  2. LA RELAZIONE TEMPORALE TRA L'AZIONE DELLA FRASE DIPENDENTE E L'AZIONE DELLA FRASE PRINCIPALE


Cerchiamo di capire meglio che cosa intendo.


Prendiamo come esempio la frase di prima: "credo che sia una buona idea". In questo caso io credo adesso, in questo momento, sto formulando la mia opinione adesso che questa sia una buona idea adesso. Quindi come potete vedere le due azioni sono contemporanee, cioè accadono nello stesso momento, nel presente.


Ma se l'idea è già stata realizzata? Cioè se l'idea di cui parlo è già avvenuta ma sto formulando la mia opinione nel presente? Allora userò il congiuntivo passato e dirò credo che sia stata una buona idea.


Quindi per capire meglio ricordate che se la frase principale ha il verbo al presente, posso usare il congiuntivo presente se la seconda azione accade nello stesso momento nel presente o eventualmente nel futuro, mentre il congiuntivo passato se l'azione accade nel passato, prima, rispetto all'azione principale:

  • Penso che Luca parta tra 2 ore (in questo caso futura)

  • Credo che Luca sia ancora a casa (contemporanee presente presente)

  • Penso che Luca sia partito due ore fa (presente passato)

  • Presumo che Luca stia partendo adesso (presente progressivo)


Cosa succede però se abbiamo un tempo passato nella frase principale, per esempio pensavo, credevo... In questo caso la situazione cambia! Qui abbiamo due scenari:

  • Le due azioni accadono nello stesso momento del passato (contemporanee nel passato)

  • Un'azione è più passata di un'altra azione già passato (anteriorità)

Vediamo alcuni esempi:

  • Pensavo che Luca partisse ieri (entrambi le azioni succedono nel passato ieri, pensavo ieri che Luca partisse ieri)

  • Pensavo che ti piacesse il calcio (anche contemporanee nel passato)

  • Pensavo che Luca fosse già partito (pensavo in un momento nel passato che Luca fosse già partito in un momento ancora più passato!)


Attenzione: l'imperfetto viene usato anche per esprimere posteriorità nel passato ma non ne parliamo ora! Questo. si chiama futuro nel passato e se siete interessanti a questo argomento fatemi sapere!


Ho creato per voi una tabella utile per ricordare queste regole. Attenzione però, come potete vedere al centro troviamo una linea rossa. Quella linea rossa non può essere attraversata! Questo significa che se usate un verbo al presente nella frase principale, non potete usare un congiuntivo imperfetto nella frase dipendente e viceversa. Questo significa quindi che dovrete scegliere solo tra due tempi del congiuntivo , non quattro!



Se hai qualche domanda su questo argomento, non esitare a mandarmi un messaggio nella sezione contact del mio sito.


A presto,


Stefano


291 views